mercoledì 5 agosto 2015

i gatti - le razze IL GATTO OCICAT

L'ASPETTO RICORDA QUELLO DEI GRANDI FELINI  SELVATICI MA IL TEMPERAMENTO  E' ESTREMAMENTE FINE E SENSIBILE

CARTA DI IDENTITA'
 origine : Stati Uniti
epoca : 1964
mantello : corto lucido  e privo di sottopelo  lanoso e aderente al corpo
colori : brown-tabby  cioccolato cannella  blu lavanda silver
carattere : allegro ed espansivo

l'ocicat nacque per caso  nel 1964 quando  un'allevatrice  americana incrociò un Siamese con un Abissino  ottenendo gattini dal bellissimo mantello
l nome deriva dall'ocelot  un felino dal mantello maculato come quello di cuccioli di Ocelotto un felino selvatico  diffuso nelle zone erbose  e nei sottoboschi  del continente americano  dall'Arizona all'Argentina  a lungo cacciato per la sua pelliccia
Numerosi allevatori rimasero colpiti dalla bellezza del suo mantello  e rinnovarono l'esperimento  con successo incrociando  i nuovi esemplari anche con  l'American Shorthair
con la testa triangolare   le orecchie triangolari distanziate  e gli occhi a mandorla  l'ocicat ha un aspetto assai  curioso  e un'impressione molto intelligente
ha la grazia dei gatti orientali anche se è la sua struttura è  potente e muscolosa che ricorda i felini selvatici
il corpo è scattante  incrivibile in un rettangolo termina con una coda  affusolata inanellata  e dalla punta scura   il mantello è maculato di diversi colori segue lo schema tabby con vortici di macchioline sui fianchi


meglio non lasciarlo solo  per più giorni di fila  a causa della sua indole sensibile potrebbe rattristarsi 
proviamo invece a intrattenerlo insegnandogli  qualche acrobazia  ammaestrarlo non è difficile

intelligente e sensibile l'Ocicat ha ereditato i tratti migliori del temperamento delle razze dal quale è derivato 
E' mite come un American Shorthair ed esuberante come un abissino e letteralmente pazzo per il padrone come un siamese

Nessun commento:

Posta un commento